Il termometro perduto in piazza Carlo Felice
A cura di - 26 mar, 2019
1
55608069_2322761704662741_705857547017388032_o

Non esiste più e nessuno sa che fine abbia fatto. Lo di- strussero? Lo smontarono? Giace in un magazzino? Parliamo del gigantesco termometro che decorava il giardino Sambuy di piazza Carlo Felice prima della Seconda Guerra Mondiale. Doveva essere spettacolare, alto 3 metri, fatto di cemento e metallo, coperto da una elegante cupolotta in stile […]

Non esiste più e nessuno sa che fine abbia fatto. Lo di- strussero? Lo smontarono? Giace in un magazzino? Parliamo del gigantesco termometro che decorava il giardino Sambuy di piazza Carlo Felice prima della Seconda Guerra Mondiale. Doveva essere spettacolare, alto 3 metri, fatto di cemento e metallo, coperto da una elegante cupolotta in stile liberty, che durante i rigidi inverni si caricava di neve. Ne abbiamo l’unica testimonianza in due immagini, una di inizio Novecento, l’altra datata 1938.
Orologio fiorito piazza Carlo Felice

Il termometro che non c’è più resta nella storia dei preziosi che in fasi diverse decorarono lo spazio davanti alla stazione di Porta nuova. Un altro: l’orologio fiorito che scandiva il tempo con le lancette piantate nell’erba di un’aiuola, dono della Città di Ginevra negli anni Cinquanta, smontato prima di costruire gli ingressi alla metropolitana sotterranea. Un altra: il monumento a Massimo d’Azeglio, eretto nel 1873, traslocato al Valentino nel 1936.

Torino Storia
Torino Storia

Scrivi un commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Commento (Il termometro perduto in piazza Carlo Felice)

  1. Piange il cuore… anche al pensiero della vecchia biglietteria col quadro meccanico di arrivi a partenze si Porta Nuova…
    Ora le stazioni sono diventate come gli aeroporti, delle bolle artificiali tutte uguali in tutto il mondo..