Storie da Cineteca: la Regina di Porta Palazzo
A cura di - 30 nov, 2016
1
regportapila1.JPG

Aggiornamento 16.12.2016 In seguito alla pubblicazione del box su «La Regina di Porta Palazzo», all’interno del pezzo dedicato ai 100 anni della Tettoia dell’Orologio, uscito sul numero di novembre, ci ha scritto Luciana Aiassa, Regina ad’ Porta Palass 1978. «Il testo riferisce che la Regina venne eletta fino al 1975, ma io sono stata proprio […]

Aggiornamento 16.12.2016

regina-1983
Il Sindaco Diego Novelli incorona Luciana Aiassa

In seguito alla pubblicazione del box su «La Regina di Porta Palazzo», all’interno del pezzo dedicato ai 100 anni della Tettoia dell’Orologio, uscito sul numero di novembre, ci ha scritto Luciana Aiassa, Regina ad’ Porta Palass 1978.

«Il testo riferisce che la Regina venne eletta fino al 1975, ma io sono stata proprio una delle Regine, precisamente la venticinquesima: fui eletta nel 1978 presso la sala danze Du Park di corso Regina Margherita (ora non esiste più). Accadde martedì 31 gennaio, esattamente una settimana prima del martedì grasso, alla presenza dell’allora Sindaco Diego Novelli, dell’assessore al commercio Scicolone e di varie maschere piemontesi. La Regina di Porta Palazzo è stata eletta fino al 1983; l’ultima rimasta in carica anche nel 1984 perché tutte le manifestazioni del carnevale 1983 erano state sospese a causa dell’incendio nel Cinema Statuto».

Aggiornamento prezioso, perché la ricostruzione delle date dell’elezione della Regina di Porta Palazzo era piuttosto lacunosa: si parlava di un’interruzione dal 1911 al Secondo dopoguerra, ma il video della Cineteca del Museo Nazionale del Cinema la smentisce, immortalando le Reginette del 1914. Per quanto riguarda l’ultima elezione, solo il portale dedicato all’Antica Tettoria dell’Orologio si sbilancia, indicando il 1975. Grazie a Luciana Aiassa abbiamo aggiunto un altro piccolo tassello.

Lungo gran parte del Novecento, fino al 1975 1983, Porta Palazzo ha eletto ogni anno «la sua Regina».

In realtà il rapporto tra Torino e le Miss inizia già a fine ottocento: nel 1889, il teatro Scribe ospita l’elezione della prima Miss Mondo. Vince la viennese Jenny Cooper, seguita da Costanza Fusconi di Rimini e Rachel Verdier di Parigi.
Il seme lanciato diede i suoi frutti, come detto, nel 1902, con l’elezione della prima Miss Torino, scelta tra le belle di Porta Palazzo, quartiere, che per l’occasione, diventava un regno autonomo, con frontiere di archi infiorati, con su scritto “Regno di Porta Palass”.
La manifestazione, con tanto di cortei e sfilate, aveva luogo nel periodo a cavallo tra agosto e settembre. Per l’occasione nella zona del Balon venivano allestiti grandi baracconi, che in qualche modo richiamavano quelli carmevaleschi di piazza Vittorio. I festeggiamenti terminavano poi con la grande sfilata dei carri allegorici degli esercenti del mercato, che si snodava per via XX Settembre, piazza Castello, via Po, giungendo poi al Valentino.

Nel video “Reginette di bellezza del 1914”, della Cineteca del Museo Nazionale del Cinema (disponibile sul canale Vimeo Cineteca MNC), le Miss elette nel mercato di Porta Palazzo.

 

Dopo una sospensione, la festa della Regina del Mercato verrà reintrodotto nel secondo dopoguerra e spostata al periodo del Carnevale, con sfilata di carri limitata alla zona di Borgo Dora.

La proclamazione e l’incoronazione avvenivano la sera del martedì precedente l’inizio della settimana Grassa con la partecipazione di autorità cittadine, Gianduia e Giacometta e alcune maschere piemontesi. La Regina, il giovedì Grasso, effettuava visite benefiche ad ospedali e orfanotrofi e l’ultimo giorno di Carnevale, accompagnata dalla sua corte e da Gianduia e Giacometta, faceva un giro per i mercati portapalatini per raccogliere doni poi devoluti ad enti benefici.

Torino Storia
Torino Storia

Scrivi un commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Commento (Storie da Cineteca: la Regina di Porta Palazzo)