Sommeiller, i torinesi dello sci d’estate: 55 anni fa aprivano gli impianti
A cura di - 15 mag, 2018
3
  • cartolina2
  • cartolina3
  • gara al Sommeiller anni Settanta
  • il taglio della strada
  • impianti e piste2
  • impianti
  • la corriera
  • LaStampa dalla Nuova Zelanda
  • maestri di sci
  • oggi 2
  • oggi 3
  • Parcheggioe rifugio Ambin
  • RIfugio Ambin interno
  • Rifugio Ambin4
  • skilift
  • skilift2
  • strada
  • strada1
  • sulla strada tagliata nella neve
  • sulle piste in costume
  • Terrazza AMbin
  • Trasporto sci e bagagli

Un manipolo di sognatori con la testa all’altezza delle nuvole e i piedi ben piantati in terra. O meglio: nel ghiaccio. Quattordici maestri della scuola sci Bardonecchia, all’inizio degli anni Sessanta, decidono di dare forma a un’idea folle per quei tempi: creare un centro per lo sci estivo sul ghiacciaio Sommeiller. L’idea era venuta a […]

Un manipolo di sognatori con la testa all’altezza delle nuvole e i piedi ben piantati in terra. O meglio: nel ghiaccio. Quattordici maestri della scuola sci Bardonecchia, all’inizio degli anni Sessanta, decidono di dare forma a un’idea folle per quei tempi: creare un centro per lo sci estivo sul ghiacciaio Sommeiller.
L’idea era venuta a Edoardo Allemand, che conosceva molto bene quelle vette, per essere stato uno dei guardiani della diga di Rochemolles. L’idea prende forma grazie a lunghe chiacchierate con l’amico Piero Bosticco. Non sarebbe stata un’opera facile, ma si poteva fare. Il primo problema da affrontare era il collegamento tra Bardonecchia e il Colle del Sommeiller: fino ad allora, la strada carrozzabile terminava a Rochemolles.

Nel 1962 i maestri formarono la Società per azioni VA.RO (Valle di Rochemolles), coinvolgendo nel progetto otto dei propri allievi e alcuni clienti della Scuola Sci Bardonecchia. Raccolto un capitale di 40 milioni di lire, cifra esorbitante per l’epoca, diedero il via all’avventura. Alle 9 del mattino del 7 maggio 1962 partirono i lavori da Rochemolles; :il 29 giugno la strada raggiunse la diga, il 25 luglio si era all’altezza del rifugio Scarfiotti, a quota 2156, e per fine ottobre, la strada arrivò a 100 metri dal colle.

Nella tarda primavera del 1963 vennero completati gli ultimi 100 metri di strada e si costruirono l’albergo Rifugio Ambin e i primi due impianti di risalita, alimentati da un motore diesel di camion. i 24 chilometri di strada vennero completati, raggiungendo i 3009 metri del Colle Sommeiller, il rifugio e gli impianti erano funzionanti. “A sciare con la canicola sul ghiacciaio del Sommeiller” scriveva il 25 luglio su La Stampa, Remo Grigliè.

Gli impianti chiusero nel 1984, quando il ghiacciaio si ritrasse fino a scomparire quasi completamente.

Torino Storia
Torino Storia

Scrivi un commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Commenti (3)

  1. È il ghiacciaio dove mi allenavo tutte le estati negli anni 70
    Con Piero rossi e lo sci club Juventus…..
    Bellissimi ricordi

    Quella strada la ho fatta in tutte le condizioni anche a piedi per punizione.

  2. Io li ho ancora visti funzionare e sono salito al colle con la Citroen Dyane e con la Fiat Ritmo. Oggi una tristezza.

  3. Dispongo di fotografie a colori dello scrivente e compagni effettuate sulla terrazza dell’ex albergo nel Settembre 1967.
    A disposizione.
    SP