Raccontano i binari abbandonati
A cura di - 22 mar, 2018
0
  • Foto 01 Chisone
  • Foto 02 Brunelleschi
  • Foto 03 Rosselli
  • Foto 04 Lancia
  • Foto 05 Savigliano copia
  • Foto 06 Docks Dora
  • Foto 07 Dogana
  • Foto 08 Monteverdi
  • Foto 09 Cascinette
  • Foto 10 Vigevano
  • Foto 11 Nebiolo
  • Foto 12 Manifattura Tabacchi
  • Foto 13 Mamiani
  • Foto 14 Vigliani
  • IO_01a

Tracce di rotaie affogate nell’asfalto, vecchi cancelli arrugginiti parlano di un’epoca in cui ogni grande fabbrica torinese aveva il suo raccordo di collegamento con la ferrovia. Ecco quel che rimane della rete capillare di binari al servizio delle industrie. Dalla metà del XIX secolo e fino al primo dopoguerra, la ferrovia fu l’unico sistema di […]

Tracce di rotaie affogate nell’asfalto, vecchi cancelli arrugginiti parlano di un’epoca in cui ogni grande fabbrica torinese aveva il suo raccordo di collegamento con la ferrovia. Ecco quel che rimane della rete capillare di binari al servizio delle industrie.

Mappa dei binari abbandonati
Mappa dei binari abbandonati

Dalla metà del XIX secolo e fino al primo dopoguerra, la ferrovia fu l’unico sistema di trasporto in grado di soddisfare le esigenze dell’industrializzazione: consentiva l’alimentazione di magazzini, mercati, fabbriche, opifici, centrali di produzione di energia; rendeva possibile l’esportazione dei prodotti. Torino, in quanto città sede di grandi industrie, contava decine di raccordi tra la linea ferroviaria su cui transitavano tutti i convogli (merci o passeggeri) e gli stabilimenti produttivi. Il carro ferroviario arrivava, così, a «casa» dell’industria, eliminando il trasbordo delle merci fra mezzi di trasporto differenti. Tracce di questi collegamenti con le linee ferroviarie per Milano o Genova, sono ancora visibili (o lo erano fino a pochissimi anni fa) nell’asfalto delle strade, oppure delle vecchie deviazioni è rimasto un cancello per l’accesso dei convogli all’area industriale, o anche un indizio nei particolari di un isolato.

Torino Storia
Torino Storia

Scrivi un commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *