Parco Dora: il fiume torna a cielo aperto
A cura di - 21 nov, 2017
0
  • DSC_9453 Massimo Masone
  • DSC_9456 Massimo Masone
  • DSC_9460 Massimo Masone
  • DSC_9461 Massimo Masone
  • DSC_9463 Massimo Masone
  • DSC_9468 Massimo Masone
  • DSC_9469 Massimo Masone
  • DSC_9470 Massimo Masone
  • DSC_9473 Massimo Masone

Sono entrati nel vivo i lavori di stombatura del fiume Dora nell’area dell’attuale Parco Dora, fin dalla fine dell’Ottocento e per gran parte del secolo scorso sede di stabilimenti dell’industria pesante torinese. Il lavoro di rimozione del cappotto di cemento (che venne realizzato dalla Fiat Ferriere per ampliare l’area dello stabilimento Valdocco) terminerà entro la […]

Sono entrati nel vivo i lavori di stombatura del fiume Dora nell’area dell’attuale Parco Dora, fin dalla fine dell’Ottocento e per gran parte del secolo scorso sede di stabilimenti dell’industria pesante torinese. Il lavoro di rimozione del cappotto di cemento (che venne realizzato dalla Fiat Ferriere per ampliare l’area dello stabilimento Valdocco) terminerà entro la fine dell’anno. La copertura del corso d’acqua è stata realizzata in calcestruzzo armato e sopporta fino a 17mila kg per metro quadrato: è alta 205 centimetri ed è lunga circa 500 metri. Costo dei lavori: 5 milioni di euro a carico della Città.

Torino Storia
Torino Storia

Scrivi un commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *